INTRODUZIONE CORSO ON-LINE

Chi si occupa di un familiare che soffre di Alzheimer o da altra forma di demenza senile, si sente spesso solo e sommerso dalle responsabilità. E’ per costoro che Home Instead Senior Care ha creato un corso on-line.

Oltre a dare una definizione generale delle varie forme di demenza, il corso vuole dare alcuni consigli pratici per aiutare a trattare i problemi più comuni associati alla malattia.

2011_1221_hi_0406

Sessione 1: Cos’è la Demenza?

  • E’ una sindrome che può essere causata da diverse patologie che progressivamente colpiscono memoria, ragionamento, comportamento e la capacità di svolgere semplici attività quotidiane.
  • 6 milioni di persone al mondo convivono con le problematiche correlate alle demenze senili.
  • Oltre un milione di persone in Italia soffre di una forma di demenza.

Quali sono le cause dell’Alzheimer?

  • Non si conoscono ancora, probabilmente è dovuto alla compresenza di diversi fattori.
  • I maggiori fattori di rischio sono la familiarità, malattie cardiovascolari e traumi cerebrali.
  • Rimanere in esercizio, cibarsi in modo sano, rimanere socialmente attivi e mantenere attiva la mente può ridurre la probabilità di essere colpiti da forme di demenza.

Forme di demenza

  • La malattia di Alzheimer – la forma più comune di demenza
    • Difficoltà a ricordare nomi ed eventi recenti, apatia e depressione
  • Demenza vascolare
    • Sintomatologia sovrapposta all’Alzheimer
  • Demenza di tipologia mista
    • Molto comune è la compresenza di Alzheimer e di demenza vascolare
  • Demenza di Lewy – Corpi di Lewy
    • Tremori, rigidità, e allucinazioni visive
  • Demenza frontotemporale
    • Causa cambiamenti di personalità e di comportamento

Le manifestazioni dell’Alzheimer e delle altre forme di demenza variano da persona a persona. Ogni individuo potrà avere differenti sintomi, comportamenti, e progressione della malattia.

L’Alzheimer e il cervello

  • Le cellule nervose muoiono e il tessuto si riduce
  • Ammassi abnormi di frammenti proteici chiamate placche
  • Cellule nervose morte e cellule morenti che formano dei grovigli

Sintomi

Ogni individuo è differente – non tutti i sintomi sono necessariamente presenti simultaneamente.

 

  • Perdita di memoria che rende difficoltosa la quotidianità
  • Difficoltà a compiere attività familiari
  • Trovare complicata ogni forma di pianificazione di attività e la soluzione dei problemi
  • Confusione spazio – temporale
  • Difficoltà a comprendere immagini visive e relazioni spaziali
  • Sistemare oggetti in posti non consoni e non essere più in grado di ricostruire un percorso logico
  • Difficoltà nel giudizio
  • Rinuncia ad attività lavorative o sociali
  • Cambiamenti nell’umore o nella personalità
  • Problemi con la parola e la scrittura

Diagnosi

E’ importante determinare le cause della perdita di memoria o degli altri sintomi riconducibili a demenza. Alcuni sintomi possono essere reversibili nel caso fossero causati da problematiche curabili quali:

  • Depressione
  • Interazioni tra farmaci
  • Problemi di tiroide
  • Abuso di alcolici
  • Scarso apporto vitaminico

Anamnesi

  • Identifica i deficit cognitivi presenti per determinare la presenza di difficoltà a svolgere le normali attività della vita quotidiana (ADL), o nell’utilizzo di strumenti per le attività della vita quotidiana (IADL).
  • Determina anche la comparsa della malattia, la sua progressione e i fattori che ne contribuiscono l’avanzamento.

Test della Memoria e del ragionamento

Sono presenti molti tipi di valutazione per saggiare diverse funzioni tra le quali: orientamento, memoria a breve termine, capacità nel seguire istruzioni e riconoscere oggetti.  Questo tipo di test non dovrebbe mai essere utilizzato come unico test per l’Alzheimer e le altre demenze poiché i risultati possono essere influenzati da fattori culturali e socioeconomici.

Farmaci

Diversi farmaci possono contribuire nel trattamento della sintomatologia dell’Alzheimer o delle altre demenze. Se la forma di demenza viene diagnosticata precocemente, il trattamento farmacologico potrà permettere al paziente di svolgere le attività quotidiane e di conservare l’autonomia per un periodo di tempo più lungo, consentendo altresì di prolungare il periodo nel quale il paziente potrà essere gestito a casa.

Il medico potrà utilizzare altre categorie di farmaci per gestire  problematiche diverse correlate quali depressione, insonnia, e problemi del comportamento come agitazione e aggressività.

728x382

Fasi della malattia di Alzheimer

Iniziale (2-6 anni)

  • Percepiscono di avere problemi di memoria
  • Dimenticano parole familiari o il posizionamento di oggetti di uso quotidiano
  • Si sentono confusi in posti familiari
  • Hanno difficoltà nel gestire soldi e pagamenti
  • Umore insolitamente mansueto/aggressivo e cambiamento della personalità

Centrale (2-10 anni)

  • Aumento nella perdita di memoria e nella confusione
  • Problemi nel riconoscere familiari e amici
  • Ripetizione continua di aneddoti, parole favorite o movimenti
  • Difficoltà nel compiere attività composte da più passaggi, come vestirsi
  • Carenze nell’igiene e nella cura dell’aspetto della persona

Finale (+ 10 anni)

  • Incapacità nel riconoscere se stesso o i famigliari
  • Perdita della capacità di comunicare
  • Incontinenza e disfagia
  • Necessità di cure continue medico – infermieristiche

fless

Comportamenti

Le persone affette da Alzheimer o altre demenze possono manifestare diversi problemi comportamentali.  I comportamenti da segnalare sono quelli che possono recare danno al paziente o ad altri individui.

Manie

  • Fissazioni su concetti falsi/irreali
  • Possono avere origine sconosciuta, spesso spariscono naturalmente

Wandering (camminare senza mèta)

  • Sono confuse e pensano di dover assolutamente andare in altro luogo
  • Bisogna fare molta attenzione quando si esce insieme!

Rifiuto

  • Non accettazione o riconoscimento del ruolo del family e del professional caregiver
  • Molto comune con le ADL o nel coinvolgimento nelle attività

Aggressività

  • Diventano frustrati e nervosi
  • Si rendono conto di non riuscire a compiere azioni, non ci capiscono o perdono la pazienza

Ripetizione

  • Di norma è un segnale di paura o di insicurezza
  • Può essere la ricerca di qualcosa di familiare e confortevole

Agitazione

  • Dovuta a problemi di salute
  • Dovuta a variazioni nell’ambiente

Inappropriatezza sessuale

  • Cambio nella personalità
  • Perdita nella capacità di capire di cosa non si deve discutere in pubblico

False accuse

  • Possono accusarti per qualcosa che non hai commessso

Altri aspetti relativi allo stato di salute

Non tutti i comportamenti mostrati dalle persone affette da Alzheimer sono correlati direttamente alla malattia.  A volte la causa è più semplice e riguarda lo stato di salute generale dell’individuo.  Non è sempre il cervello la causa degli atteggiamenti di ansia o aggressività, a volte l’origine è da ricercarsi nel corpo. Possono esserci altri problemi di salute all’origine di questi atteggiamenti. La Persona affetta da Alzheimer può non essere in grado di dirti che sta soffrendo, che è stanca, che non riesce a vedere o sentire, o che ha bisogno di qualcosa da mangiare o da bere.  Questo la può portare a sentirsi frustrata, ad aumentare lo stato confusionale e può reagire con comportamenti che devono essere reindirizzati.  Anche il bisogno di andare al bagno può provocare malessere e portare a cambi di comportamento.

Alcune di queste cause possono essere gestite con farmaci o attraverso una maggiore qualità nell’assistenza.

  • Disidratazione
  • Malnutrizione
  • Stipsi
  • Depressione
  • Infezioni, ad esempio del tratto urinario (UTI)
  • Dolore
  • Rischio di cadute
  • Problemi di vista e di udito

Prenditi cura di te 

Nel prendersi cura di una Persona affetta da Alzheimer o altre demenze, è molto facile porre tutta l’attenzione sulle sue necessità e trascurare le tue.

Quando il vostro caro riposa, approfitane per fare altrettanto, oppure mettete in pratica qualche tecnica di rilassamento

  • Esercizi di respirazione
  • Yoga
  • Stretching
  • Meditazione
Share: