Riportiamo di seguito l’articolo di Patrizia Zampieri

Una giornata come molte ormai, anzi no, io non ho dormito bene. Quelli del piano di sopra camminano come una mandria di bufali. Fuori piove, per questo dentro è così scuro.
La mamma in piedi, bagnata come sempre… Comincia il solito tran-tran: in bagno, cambiarsi, lavarsi, vestirsi, poi in cucina per la colazione. Ma oggi mamma è nervosa, allora la porto a fare un giro. Salutiamo la portinaia. Ci chiede: “Che c’è?”. E’ stanca. Di non poter più parlare, di non riuscire più a tenersi pulita. Delle solite passeggiate in mezzo al cemento.
Oggi non gira, ma non siamo sole. E possiamo farcela. Preghiamo Dio, per noi e per chi ci aiuta. A Lui affidiamo le nostre necessità e i nostri sogni. Questa non è vita, ma la vita c’è.

A FLOWER CAN STILL SPROUT IN OUR GARDEN..

Another same day as any before. Or maybe not, as I did not sleep well. The family living upstairs are making much noise. It’s raining, that’s why it looks so dark inside. Mom is already up, wet, as usual… The daily routine starts: in the bathroom, get changed, washed, dressed, then head to the kitchen for breakfast. Yet Mom is nervous today, so I take her out for a walk. We greet the concierge, who asks: “What’s the matter?” She’s tired. For she cannot talk anymore, nor keep herself clean. Tired of walks among buildings. A blue day, yet we are not alone. And we can make it. We pray God, for ourselves and for those helping us. All our needs and dreams we give to Him. This is not life, but life exists.

POSTATO DA PATRIZIA ZAMPIERI

Share: